Sei in: Home » Articoli

Risarcimento del danno – Infortunio sul lavoro – Danno biologico differenziale – Criteri di calcolo

“Occorre […] procedere alla determinazione del danno secondo i criteri civilistici, per poi effettuare un raffronto fra l'importo che ne risulta e l'ammontare delle prestazioni erogate dall'Inail, riconoscendo in favore del lavoratore l'eventuale differenza. Tuttavia, per l'ipotesi di invalidità pari o superiore al 16%, in cui l'Inail eroga una rendita riferita per una quota al danno biologico e per l'altra alle conseguenze patrimoniali dell'inabilità permanente, il raffronto deve essere operato non posta per posta, ma avuto riguardo all'ammontare complessivo dei rispettivi ristori, atteso il disposto dei commi 6° e 7° dell'art. 10 del DPR n. 1124/1965 (v. Cass. N. 10035 del 25.5.2004) e considerato inoltre che una diversa soluzione è suscettibile di comportare un ristoro superiore all'ammontare del danno effettivamente patito”. Nella sentenza in epigrafe, il Tribunale di Vicenza aderisce all'orientamento giurisprudenziale prevalente che riconosce la possibile esistenza di un danno biologico c.d. differenziale, in conseguenza della diversa natura dell'intervento previdenziale rispetto al risarcimento del danno chiedibile al responsabile, e propone, per la prima volta, un metodo di calcolo dello stesso. (Avv. Cantarella Tiziana)

Vedi anche: Danno biologico - calcola on line il danno biologico alla persona.
Tribunale Vicenza, sez. lav., Sentenza 4.1.2007, n. 321 - Avv. Tiziana Cantarella
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/07/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF