Sei in: Home » Articoli

Ministero salute: piano operativo per ridurre i rischi del caldo

Il Ministero della Salute ha reso noto di aver predisposto un Piano per ridurre le conseguenze negative sulla salute da eventuali ondate di calore in particolare rivolte alle fasce di popolazione più a rischio (anziani, bambini, persone con patologie croniche).
Difatti, il Ministero ha reso noto che per l'estate 2007 è previsto il verificarsi, soprattutto nel mese di giugno, di forti ondate di calore.
Tra i principali elementi del Piano evidenziamo la previsione di linee guida, concordate con Comuni e Regioni, per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore anomalo. Il Sistema nazionale di allerta per ondate di calore anomalo che è in grado di dichiarare quotidianamente, per ciascuna delle grandi città ove è operativo, la previsione, riguardante le successive 72 ore, del livello di rischio. La creazione degli elenchi dei sottogruppi suscettibili alle ondate di calore (le cosiddette “Anagrafi della fragilità”).
Sono poi state previste le Campagne informative con annunci via radio e televisione, con distribuzione di materiale informativo tramite le farmacie, con i quotidiani e i settimanali, e il servizio Call Center 1500, attivo tutti i giorni dal mese di giugno.
(01/06/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF