Sei in: Home » Articoli

Presupposti dell? indebito arricchimento

Per poter esperire l'azione generale di cui all?art. 2041 cod. civ. è necessario che l?arricchimento di un soggetto a danno dell'altro sia avvenuto senza giusta causa. Quando però l?arricchimento è conseguenza di un contratto o comunque di un altro rapporto, non può dirsi che la causa manchi o sia ingiusta almeno fino a quando il contratto o l'altro rapporto conservino la propria efficacia obbligatoria. Sulla base di questo principio, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sent. n. 14215/02) hanno affermato che non poteva considerarsi indebito arricchimento la domanda proposta da un ente pubblico contro il proprio dipendente per conseguire la ripetizione di somme pagate per interessi su miglioramenti economici già giudizialmente riconosciuti, dal momento che tale vantaggio nasceva da un'obbligazione la cui fonte è il contratto o rapporto d'impiego.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/10/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF