Sei in: Home » Articoli

Verona: Telefono Azzurro per figli di chi sta in carcere

La nota associazione che da anni si batte per il rispetto dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza ha dato il via a una nuova iniziativa per aiutare i figli dei detenuti. Da alcuni giorni a Verona il Comune ha messo a disposizione di Telefono Azzurro una nuova sede dove i volontari hanno già programmato una serie di iniziative e tra queste la realizzazione di un nuovo progetto "Bambini e carcere". Il progetto prevede l'ingresso dei volontari dell'associazione nell'Istituto Penitenziario di Montorio dove verranno incontrati i figli dei detenuti.
Ma c'è un altro progetto denominato "Uno a uno". Si tratta della programmazione dell'assistenza da parte di un volontario che in orario extrascolastico possa offrire assistenza a quei bambini che manifestino problemi di integrazione o che risultino disagiati; ciò per aiutarli ad affrontare le proprie difficoltà. Il numero nazionale gratuito per i bambini 19696 e la linea per adolescenti e adulti 199151515 sono sempre attivi, fermo restando la possibilità di rivolgersi al 114 per chi intende segnalare situazioni di emergenza e infanzia.
(24/04/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF