Sei in: Home » Articoli

Prelazione agraria e disapplicazione dell'aggiudicazione

In caso di conflitto tra più proprietari coltivatori diretti confinanti che esercitino la prelazione d'acquisto rispetto a un medesimo fondo, spetta al giudice accordare prevalenza all'uno o all'altro dei prelazionari alla stregua della maggiore o minore attitudine a concretare la finalità perseguita dall'art. 7, c. 2 della l. 14 agosto 1971, n. 817 e cioè l'ampliamento delle dimensioni territoriali dell'azienda diretto-coltivatrice che meglio realizzi le esigenze di ricomposizione fondiaria, di sviluppo aziendale e di costituzione di unità produttive efficienti sotto il profilo tecnico ed economico. In base a tale principio, deve pertanto essere disapplicato l'atto del comune che tra più prelazionari partecipanti alla gara aggiudichi il bene al maggior offerente.
Leggi il provvedimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/04/2007 - www.ilcaso.it)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF