Sei in: Home » Articoli

Sicurezza stradale: le nuove regole

Il Consiglio dei Ministri (seduta dello scorso 16 marzo) ha approvato il disegno di legge governativo in materia di sicurezza stradale che, lo scorso 4 aprile è stato assegnato, in sede referente alla IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. Lo scopo del provvedimento è quello di intervenire su uno dei fattori di rischio, quale quello del comportamento umano, ormai accertato quale più frequente minaccia alla sicurezza sulla strada. Il provvedimento approvato integra le disposizioni del Codice della Strada vigente al fine di contrastare e sanzionare comportamenti che possano nuocere alla sicurezza collettiva sulla strada.
Tra le misure di maggior rilievo contenute nel provvedimento evidenziamo la previsione di sanzioni aggravate per chi supera i limiti di velocità e per chi fa uso di apparecchiature radiotrasmittenti durante la guida, la revoca della patente per chi inverte il senso di marcia in autostrada o sulle strade extraurbane principali, un inasprimento della decurtazione dei punti per chi non concede la precedenza ai pedoni, un aumento dell'entità delle pene pecuniarie e di detenzione per chi guida in stato di ebbrezza, la revoca della patente di guida se il conducente sia recidivo nelle violazioni nel corso di un biennio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/04/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF