Sei in: Home » Articoli

Compatibilitą dell'integrazione salariale con lavoro dipendente o autonomo

Con circolare n. 171 del 4 agosto 1988 sono state impartite, tra l'altro, istruzioni in merito al disposto di cui al 5° comma dell'art. 8 della legge 160/88 che, si rammenta, commina la decadenza dal diritto alla prestazioni nel caso in cui il lavoratore non abbia data preventiva comunicazione alla Sede provinciale dell'Istituto in merito allo svolgimento di attivitą lavorativa in concomitanza con il trattamento di integrazione salariale. Si fa presente che in merito all'argomento della compatibilitą della integrazione salariale con l'attivitą autonoma o subordinata sono intervenute varie sentenze della Corte di Cassazione, che hanno affermato e ribadito alcuni principi che inducono ad una modifica dei criteri contenuti al punto 6 della circolare sopra richiamata.
Si premette comunque che resta sempre necessaria la comunicazione preventiva, prevista al 5° comma dell'art. 8 della legge 160/88, resa dal lavoratore sullo svolgimento dell'attivitą secondaria al fine di evitare la decadenza dal diritto alle prestazioni per tutto il periodo della concessione. Tuttavia, va preliminarmente osservato che il combinato disposto dell'art. 3 del Decreto Legislativo Luogotenenziale 9 novembre 1945, n. 788 e dell'art. 8, 4° comma del D.L. 21 marzo 1988, n. 86 convertito nella legge 20 maggio 1988 n. 160, non sancisce la assoluta incompatibilitą delle prestazioni integrative del salario con il reddito ritraibile dallo svolgimento di una attivitą lavorativa sia essa autonoma oppure subordinata (e in questo ultimo caso, vuoi che sia prestata a tempo pieno vuoi a tempo parziale, ed in base di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o a termine), sebbene vi sia un'incumulabilitą tra i suddetti benefici e redditi, in misura variabile a seconda delle modalitą e dell'ammontare degli stessi, come appresso specificato a titolo esemplificativo. LaPrevidenza.it, 15/04/2007
Inps, Circolare 12.12.2002 n° 179
(04/05/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le pił lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve pił sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve pił sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF