Sei in: Home » Articoli

Cassazione:affidamento figli naturali e mantenimento?E' competente il Tribunale per i minorenni

"La legge 8 febbraio 2006 n. 54 sull'esercizio della potestà in caso di crisi della copia genitoriale e sull'affidamento condiviso, applicabile anche ai procedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati, ha corrispondentemente risplasmato l'art. 317-bis cod. civ., il quale, innovato nel suo contenuto precettivo, continua tuttavia a rappresentare lo statuto normativo della potestà del genitore naturale e dell'affidamento del figlio nella crisi dell'unione di fatto, sicché la competenza ad adottare i provvedimenti nell'interesse del figlio naturale, spetta al Tribunale per i minorenni, in forza dell'art. 38 primo comma disp. att. cod. civ., in parte qua non abrogato neppure tacitamente dalla novella. La con testualità delle misure relative all'esercizio della potestà e dell'affidamento del figlio, da un lato, e di quelle economiche inerenti al loro mantenimento, dall'altro, prefigurata dai novellati artt. 155 e ss. cod.civ., ha peraltro determinato – in sintonia con l'esigenza di evitare che i minori ricevano dall'ordinamento un trattamento diseguale a seconda che siano nati da genitori coniugati oppure da genitori non coniugati, oltre che di escludere soluzioni interpretative che comportano un sacrificio del principio di concentrazione delle tutele, che è aspetto centrale della ragionevole durata del processo – una attrazione, in capo allo stesso giudice specializzato, della competenza a provvedere, altresì, sulla misura e sul modo con cui ciascuno dei genitori naturali deve contribuire al mantenimento del figlio". E' questo il principio di diritto di recente enunciato dalla Cassazione (Ord. n. 8362/07) in merito alla questione - presentatasi per la prima volta innanzi alla Corte e oggetto di divergenti decisioni presso i giudici di merito e di controversie in dottrina - "di quale sia, a seguito dell'entrata in vigore della Legge 8 febbraio 2006 n. 54 (Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli) l'organo giudiziario competente a conoscere dei procedimenti di affidamento dei figli naturali ed emanare i provvedimenti di carattere economico relativi al loro mantenimento".

Su questo argomento vedi anche la sezione sulla mediazione familiare
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/04/2007 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
In evidenza oggi.
Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF