Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegnazione casa coniugale? La decisione spetta agli ex coniugi e non al Giudice

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 6979/2007) ha stabilito che in caso di separazione senza figli, l'assegnazione della casa coniugale deve essere decisa di comune accordo direttamente dai coniugi stessi e non dal Giudice. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che la decisione deve essere congiunta sia che “la casa familiare sia in comproprietà fra coniugi, sia che appartenga in via esclusiva ad un solo coniuge” e che “in materia di separazione, l'assegnazione della casa familiare, malgrado abbia anche riflessi economici, essendo finalizzata alla esclusiva tutela della prole e dell'interesse di questa a permanere nell'ambiente domestico in cui e' cresciuta, non può essere disposta a titolo di componente degli assegni rispettivamente previsti dagli art. 156 cod. civ. e 5 della legge 898 del '70, allo scopo di sopperire alle esigenze economiche del coniuge più debole, al soddisfacimento delle quali sono destinati unicamente gli assegni". Infine, la Corte ha precisato che "in mancanza di una normativa speciale in tema di separazione, la casa familiare in comproprietà e'soggetta alle norme sulla comunione, al cui regime dovrà farsi riferimento per l'uso e la divisione".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/03/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Revisioni auto: le novità per il 2017
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
In evidenza oggi.
Due multe da 286 euro e salvi la patente
Arriva il reato di sciacallaggio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF