Sei in: Home » Articoli

Avvocati penalisti: 3 giorni di sciopero a partire da domani

L'unione delle Camere Penali Italiane ha indetto uno sciopero di tre giorni per protestare contro il DDL di riforma dell'Ordinanamento Giudizario e in particolare contro il provvedimento che mira a modificare le norme del procedimento penale. L'astensione dalle udienza avrà inizio a partire da domani e sono state già registrate alcune adesione di politici che parteciperanno alla manifestazione nazionale presso l'Aula Magna della Cortre d'Appello di Roma. I penalisti sostengono che in Italia "la politica della giustizia e' caratterizzata negativamente e in modo pesantemente involutivo". Ancora una volta l'Unione Camere Penali Italiane muove contestazioni l'Anm evidenziando "il condizionamento esercitato dall'Associazione nazionale magistrati verso la politica con tutte le conseguenze del caso.
Questo mentre si annunciano provvedimenti governativi riguardanti il Codice di procedura penale contrabbandati dal ministro Mastella come misure per velocizzare i processi penali, mentre in realta' non fanno altro che complicare i meccanismi processuali e intaccare le garanzie dell'imputato".
(20/03/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Inammissibile il ricorso? Cassazione condanna il difensore in proprio al pagamento delle spese legali
» È lecito girare nudi per casa?
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
In evidenza oggi
Vittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratisVittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratis
Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoroSeparazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF