Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Chieti: il sangue Ŕ infetto? Risponde il Ministero della Salute

Nel caso di danno alla salute conseguente ad ipotesi di emotrasfusione di sangue infetto "sussiste la legittimazione passiva del Ministero della SanitÓ, ora Ministero della Salute, atteso che la responsabilitÓ del Ministero della sanitÓ nella determinazione del danno deriva dalle attribuzioni di legge che affidano a questa amministrazione le competenze in materia di vigilanza sanitaria e di uso dei derivati del sangue autorizzandone l'importazione l'esportazione". E' quanto ha osservato il Tribunale di Chieti, sciogliendo una riserva assunta in sede di udienza ex art. 184 c.p.c. (Ord. in data 16.5.2006) richiamando precedenti giurisprudenziali (Tribunale di Roma, sentenza del 10 giugno 2002; Corte di Appello di Roma, sentenza del 4 ottobre 2000), in base ai quali "la legittimazione passiva del Ministero (ů) "era stata affermata con riferimento alla responsabilitÓ derivante da fatto illecito ex art. 2043 c.c. come ipotesi di danno derivante da comportamento non provvedimentale della pubblica amministrazione per violazione di regole di comune prudenza ovvero di leggi o regolamenti a cui l'Amministrazione Ŕ vincolata". Il Tribunale di Chieti, infatti, ha ritenuto, tra le altre cose, di non doversi discostare dai suddetti orientamenti giurisprudenziali i quali "hanno inoltre evidenziato la possibilitÓ di un eventuale concorso di responsabilitÓ in capo ad altri soggetti che in ogni caso non escluderebbe, ai sensi dell'art. 2055 c.c., la facoltÓ del danneggiato di promuovere l'azione nei confronti di uno solo dei condebitori". (Si ringrazia l'Avv. F. De Rosa per avere segnalato il provvedimento).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/03/2007 - Francesca Romanelli)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF