Sei in: Home » Articoli

Anche il paziente medico? E' responsabile come chi lo ha curato

Quando il paziente che si duole dell'operato del medico a sua volta un medico, il Giudice, in ossequio al combinato disposto degli artt. 2056 e 1127 co. 1 c.c., ha il dovere "di porsi anche d'ufficio la questione dell'eventuale concorso di colpa da parte del danneggiato e, in caso di accertata esistenza dello stesso, determinarne l'incidenza causale sull'evento dannoso". E' quanto ha osservato il Tribunale di Campobasso (Sent. n. 5/2006) in merito ad una domanda di risarcimento danni proposta da un medico-chirurgo nei confronti del proprio dentista per essere stato colpito, a suo dire, da un carcinoma a seguito dell'azione di una protesi a lui applicata sull'arcata mandibolare. Il Tribunale, rilevando tra le altre cose, che l'attore in quanto medico-chirurgo, " ed era dotato di un bagaglio di conoscenze connaturato all'esercizio di quella attivit professionale"; che all'epoca dei fatti egli aveva "verosimilmente maturato attraverso il quotidiano esercizio della professione anche una discreta esperienza"; che "le cautele che il caso richiedeva potevano essere individuate facendo ricorso all'ordinario patrimonio di conoscenze scientifiche di un qualsiasi medico chirurgo, anche non specializzato", ha ritenuto "del tutto ragionevole concludere che non uno, ma due medici, hanno sbagliato, non esitandosi a supporre che se l'attore si fosse trovato per avventura di fronte ad un suo paziente portatore della medesima sindrome, avrebbe senz'altro dovuto egli adottare quella condotta della cui omissione ritiene responsabile esclusivamente l'attore". Di qui la ripartizione della colpa in eguale misura tra i due medici.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/03/2007 - Francesca Romanelli)
Le pi lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF