Sei in: Home » Articoli

Mafia: non colpevole moglie boss che assiste a colloqui

Roma (Adnkronos) - Non e' colpevole la moglie del boss che ascolta le conversazioni del marito con gli uomini del clan. Per la Cassazione, infatti, il fatto che la consorte di un mafioso assista in casa ai colloqui attraverso i quali il boss impartisce ordini non significa che anche lei sia mafiosa. La Quinta sezione penale (sentenza 31877) ha cosi' respinto il ricorso del procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari che si era opposto alla scarcerazione della moglie di un capomafia pugliese, indagata per appartenenza ad associazione per delinquere di stampo mafioso (416 bis) per avere assistito nell'abitazione coniugale alle conversazioni intercettate del marito boss. Per la Suprema Corte la moglie che assiste ai colloqui domestici del consorte boss ''ha un ruolo passivo''. Per dimostrare che e' mafiosa occorronno ''gravi indizi di colpevolezza'' che non sono quelli di essere presente alle conversazioni del marito.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/10/2002 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF