Sei in: Home » Articoli

Cassazione, sezione lavoro 1.12.2006 n. 25599 - Avv. Raffaele Cirillo

L'art. 2087 c.c. fa obbligo al datore di lavoro di adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. L'importanza di questa norma sta proprio nella estrema elasticità della previsione che ne fa una norma di chiusura del sistema di sicurezza volta a ricomprendere ipotesi e situazioni non espressamente previste ed avente la funzione di adeguamento permanente dell'ordinamento alla sottostante realtà socio-economica. Un lavoratore - nel giudizio definito dalla Suprema Corte di Cassazione, sezione lavoro con sentenza n. 25599/2006 – ha sostenuto la reiterata violazione dell'art. 2087 c.c. in quanto aveva subito lesioni profonde alle mani, con postumi permanenti, mentre lavorava ad una macchina per fabbricare scarpe nell'azienda del datore di lavoro, il quale non aveva provveduto alla manutenzione della macchina.
La Suprema Corte, nell'indicata sentenza, ha evidenziato: che l'art. 2087 c.c. imputa al datore di lavoro i danni all'integrità fisica ed alla personalità morale del lavoratore non secondo un criterio di responsabilità oggettiva bensì in base a negligenza, imperizia, imprudenza o violazione di specifiche norme, restando a suo carico la prova liberatoria ex art. 1218 c.c.; che nel caso di cattivo funzionamento di una macchiana, l'imprenditore, non necessariamente provvisto delle necessarie conoscenza tecniche, si comporta diligentemente rivolgendosi a persona competente; che non è responsabile il datore che incarichi della riparazione un tecnico di sua fiducia e di capacità professionale non contestata dalle parti in causa. Conclude la Suprema Corte che nel caso di specie il lavoratore danneggiato doveva rivolgere la propria pretesa risarcitoria non al datore ma all'impresa costruttrice e/o alla persona incaricata della riparazione della macchina. (Avv. Raffaele Cirillo)
Cassazione, sezione lavoro 1.12.2006 n. 25599 - Avv. Raffaele Cirillo
(28/02/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF