Sei in: Home » Articoli

Al via l'anagrafe canina nazionale

Lo scorso 1 febbraio il Sottosegretario alla Salute, G. P. Patta, presso l'Auditorium del Ministero della Salute, ha presentato la nuova Anagrafe canina nazionale. Il progetto propone di istituire un registro completo di tutti i cani identificati in Italia con microchip o tatuaggio e, grazie all'afflusso costante di tutti i dati provenienti dalle Regioni e dalle province autonome, sarà ora possibile rintracciare il luogo di registrazione di un cane smarrito e risalire al legittimo proprietario, rispettando la normativa vigente sulla privacy. L'iscrizione del cane al registro dell'Anagrafe è a cura della Regione, e non comporta per i proprietari alcun adempimento ulteriore e, la consultazione on line della banca dati è assolutamente libera.
Per conoscere l'anagrafe di provenienza di un cane smarrito occorre digitare il codice del microchip o quello del tatuaggio nel sistema di interrogazione della banca dati nazionale dell'Anagrafe canina, su www.ministerosalute.it e su quella regionale o locale. Il microchip è un piccolo dispositivo elettronico innocuo, iniettato sotto la cute del cane dietro l'orecchio sinistro con siringa sterile monouso e, nel suo interno, è contenuto un codice a 15 cifre, che identifica inequivocabilmente lo stesso cane e, di conseguenza, il suo padrone. La lettura del microchip (o del tatuaggio) può essere effettuata presso i servizi veterinari delle aziende sanitarie, o presso gli ambulatori veterinari privati che siano muniti di apposito lettore.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/02/2007 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF