Sei in: Home » Articoli

Mobilità: la contribuzione autonoma è utile ai fini della valutazione dei 28 anni

In materia di diritto alla indennità di mobilità “lunga”, ai sensi dell'art. 7 c. 7 della legge 223/91 il requisito dei 28 anni può essere raggiunto utilizzando sia la contribuzione da lavoro dipendente che quella da lavoro autonomo senza dover necessariamente presentare domanda di ricongiunzione ex art. 1 legge 29/79. Le sezioni Riunite della Cassazione sono giunte a tale decisione sulla base della giurisprudenza di merito che, fino alla data della sentenza non aveva prodotto un unico orientamento. La Corte afferma il principio secondo il quale "l'assicurazione generale obbligatoria invalidità, vecchiaia e superstiti", senza la precisazione che si tratta della gestione lavoratori dipendenti, non può che ricomprendere anche le gestioni dei lavoratori autonomi, che hanno parimenti carattere generale ed obbligatorio, essendo indubitabile che l'assicurazione è estesa ormai "obbligatoriamente" a tutti gli appartenenti alle categorie degli artigiani, commercianti e coltivatori diretti. Poiché la contribuzione da lavoro autonomo è utile ai fini del conseguimento dei 35 anni di anzianità tali contributi non possono che valere, per integrare il requisito prescritto di 28 anni necessario per accedere al trattamento di mobilità (unitamente al requisito anagrafico). Dal lato operativo, in presenza di provvedimenti dell'Inps che negano il diritto al riconoscimento della indennità di mobilità lunga ai sensi dell'art. 7 c. 7 della legge 223/91 dovrà essere proposto specifico ricorso al Comitato Provinciale Inps (se tale adempimento non verrà successivamente abrogato con specifica disposizione di legge) e ricorrere in giudizio in caso di ulteriore inerzia dell'Istituto. Trattandosi di prestazione “temporanea” il ricorso legale dovrà essere attivato entro un anno dalla respinta dell'Istituto a pena di decadenza.
(Giovanni Dami) LaPrevidenza.it,
Cassazione Sez. Unite Civili, Sentenza 21.7.2006 n° 16749 - Giovanni Dami
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/02/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF