Sei in: Home » Articoli

In libreria: Atti di diritto privato. Problematiche sostanziali e modelli processuali

Il volume propone una guida alla redazione di una serie di atti processuali: dai più significativi e ricorrenti nella prassi giudiziaria (atto di citazione, comparsa di risposta, ecc.), a quelli introduttivi di procedimenti speciali (sequestri, provvedimenti d'urgenza, ecc.), fino a taluni ricorsi introdotti dalla più recente legislazione speciale (ricorso per l'adozione degli ordini di protezione contro gli abusi familiari, ex art. 736 bis c.p.c., introdotto dalla legge n.154 del 2001). L'introduzione contiene indicazioni generali di carattere metodologico relativamente alle modalità di redazione dell'atto giudiziario, nonchè specifici suggerimenti relativi all'impostazione dell'atto di citazione nel procedimento ordinario di cognizione. Ogni schema di atto processuale è preceduto da un'ampia esposizione della problematica sostanziale oggetto del caso. Le questioni trattate concernono taluni tra i più recenti e interessanti dibattiti giurisprudenziali (inadempimento del contratto preliminare, assegnazione della casa familiare, responsabilità extracontrattuale da contratto, ecc.). L'introduzione contiene indicazioni generali di carattere metodologico relativamente alle modalità di redazione dell'atto giudiziario, nonché specifici suggerimenti relativi all'impostazione dell'atto di citazione nel procedimento ordinario di cognizione. In appendice, sono riportate le tracce degli atti di diritto privato nelle prove d'esame degli anni 1993-2001.


- Prezzo: € 28.00
- Cedam 2006
- Pagine 336

Acquista on line

Cerca altri libri:



(25/01/2007 - Recensione)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF