Sei in: Home » Articoli

Non costituisce truffa ai danni dell'erario la contraffazione del certificato assicurativo.

(Cassazione penale, sez. II, 03 ottobre 2006, n. 34179)
La sez. II della Suprema Corte, ponendosi in contrasto con una risalente sentenza delle SS. UU. del 1986, ha ritenuto che la condotta di chi appone sul parabbrezza della propria autovettura un certificato assicurativo falso non integra il tentativo di truffa. Tale decisione si fonda su un duplice ordine di motivi. Innanzitutto manca l'elemento del danno patrimoniale in quanto la condotta non implica lo spostamento di risorse economiche in favore dell'autore della stessa il quale mira solamente a sottrarsi a sanzioni amministrative. In secondo luogo mancano i tre momenti di cui si compone il reato che, dottrina e giurisprudenza, riconoscono nella produzione ....leggi tutto....
Consulenza legale online su MioLegale.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/01/2007 - www.miolegale.it)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF