Sei in: Home » Articoli

Dichiarazione di quantità ex art. 547 c.p.c.

Si rammenta che nella ipotesi di più pignoramenti successivi nel tempo, l'importo aggredibile nella misura del quinto della indennità netta deve essere soddisfatto tenendo conto dell'ordine di precedenza di notifica all'INPDAP dei singoli atti e che ogni dichiarazione di quantità va integrata con l'indicazione della serie di pignoramenti precedenti. Si ritiene, inoltre, doveroso segnalare che l'Istituto nella qualità di terzo esecutato è obbligato al rispetto delle decisioni del giudice e, conseguentemente, ove l'ordinanza di assegnazione delle somme in favore del creditore disponga per importi superiori al quinto, l'Istituto non ha legittimazione ad eventuale opposizione, dovendosi limitare ad eseguire l'ordinanza. LaPrevidenza.it
Inpdap, Nota Operativa 14.12.2006 n° 31
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/02/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF