Sei in: Home » Articoli

Cassazione: concorrenza sleale in caso di pubblicita' indiretta

La concorrenza è "leale" se la pubblicità indiretta non genera confusione con i prodotti di un concorrente. La pubblicità indiretta, realizzata mediante l'organizzazione di manifestazioni a premio e senza alcuna competizione sul premio stesso, si sostanzia essenzialmente in una specifica forma di promozione commerciale. Tale promozione vìola le regole sulla concorrenza sleale se genera confusione fra i prodotti del "promotore" e quelli di un concorrente. Nell'affermare tale principio la Corte ha sostenuto, inoltre, che si configura atto di concorrenza sleale se la confusione fra i prodotti viene accertata caso per caso.
Non è necessario, dunque, che l'iniziativa commerciale sia, per così dire, nuova e quindi soggetta alla tutela "brevettuale" (Cassazione, Sentenza 9 settembre 2002, n.13079) [Massima della Cassazione].
Leggi la massima su www.filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/09/2002 - www.filodiritto.com)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF