Sei in: Home » Articoli

Cassazione: concorrenza sleale in caso di pubblicita' indiretta

La concorrenza è "leale" se la pubblicità indiretta non genera confusione con i prodotti di un concorrente. La pubblicità indiretta, realizzata mediante l'organizzazione di manifestazioni a premio e senza alcuna competizione sul premio stesso, si sostanzia essenzialmente in una specifica forma di promozione commerciale. Tale promozione vìola le regole sulla concorrenza sleale se genera confusione fra i prodotti del "promotore" e quelli di un concorrente. Nell'affermare tale principio la Corte ha sostenuto, inoltre, che si configura atto di concorrenza sleale se la confusione fra i prodotti viene accertata caso per caso.
Non è necessario, dunque, che l'iniziativa commerciale sia, per così dire, nuova e quindi soggetta alla tutela "brevettuale" (Cassazione, Sentenza 9 settembre 2002, n.13079) [Massima della Cassazione].
Leggi la massima su www.filodiritto.com
(27/09/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF