Sei in: Home » Articoli

Cassazione: separati ma in atteggiamenti da fidanzatini? Divorzio non vale

La coppia 'scoppiata' che continua a comportarsi come i fidanzatini scambiandosi tenerezze, non puo' poi chiedere il divorzio. Tali atteggiamenti, dice infatti la Cassazione, dimostrano che c'e' ''volonta' di ripristinare il consorzio familiare''. In questo modo la Prima sezione civile, sentenza 26165, ha bocciato il ricorso di un professionista romano, Antonio C., che chiedeva la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto con Maria Gabriella. Per la Suprema Corte, che ha convalidato il giudizio della Corte d'appello di Roma del maggio 2005, la coppia non puo' chiedere il divorzio in conseguenza delle testimonianze raccolte da amici comuni della coppia che avevano raccontato come, dopo la separazione dei due amici, avvenuta nell'agosto del '94, i due coniugi erano stati visti in piu' di una occasione comportarsi come ''fidanzatini'' in conversazione ''come persone che conducevano una normale vita coniugale''. Inutilmente Antonio si e' rivolto alla Cassazione, sostenendo che in realta' i due, pure quando si incontravano non facevano che litigare e dormivano in letti e camere separate, a dimostrazione del rapporto ''gelido''. La Suprema Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso e si e' allineata al giudizio di merito che aveva constato come ''i rapporti tra i coniugi erano civili'' e che i comportamenti descritti dagli amici dimostravano la volonta' di ''ripristinare il consorzio familiare''. Antonio, oltre a non poter divorziare dalla moglie, dovra' sborsarle 4100 euro per le spese sostenute in giudizio.
(29/12/2006 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Addio, Professore!Addio, Professore!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo