Sei in: Home » Articoli

Amministrazione di sostegno: lieve ritardo cognitivo e fragilità psicologica di fondo

Il decreto di nomina di amministratore di sostegno in commento riguarda una ragazza affetta da “lieve ritardo cognitivo” e “fragilità psicologica di fondo”, che la rendono parzialmente incapace di provvedere ai propri interessi. Considerata la condizione familiare della ragazza, la quale vive con la zia ed il cugino, non mantenendo da tempo contatti con la propria madre, peraltro inabilitata, il giudice tutelare di Reggio Emilia individua nell'amministrazione di sostegno l'istituto più idoneo a garantire la necessaria assistenza alla ragazza. Ella, che pur frequenta regolarmente la scuola superiore ed è impegnata nel volontariato, non è pienamente in grado di provvedere ai propri interessi latu sensu, necessitando così di una figura che la possa assistere negli atti di natura patrimoniale e, soprattutto, possa costituire per lei una guida, in grado sostenerla nel processo di maturazione ed avviarla al mondo del lavoro.
Pertanto, il Giudice tutelare ritiene di nominare amministratore di sostegno la persona affidataria della ragazza, attribuendo, svolto l'esame della situazione concreta, all' amministratore poteri di mera assistenza e fissando in cinque anni la durata dell'incarico. (Si ringrazia Altalex - Nota di Paolo Del Giudice) LaPrevidenza.it,
Tribunale Reggio Emilia, sez. II, sentenza 24.5.2006 - Paolo Del Giudice
(30/12/2006 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Fumare in spiaggia: multe fino a 300 euro per chi butta i mozziconi
In evidenza oggi
Vaccini: 75mila firme per la petizione contro il decretoVaccini: 75mila firme per la petizione contro il decreto
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF