Sei in: Home » Articoli

Licenziamento disciplinare in caso di violazione di regole di convivenza civile

L'inclusione dei fatti contestati nel codice disciplinare precedentemente affisso - condizione ontologicamente essenziale per il licenziamento disciplinare - non è necessaria in occasione di un comportamento del lavoratore che consiste “nella violazione di regole di convivenza civile, che impongono il reciproco rispetto e che sono radicate nella coscienza sociale”. E' quanto afferma la Corte di Cassazione nella sentenza n. 2372, del 7 novembre 2006, secondo cui nell'esercizio del potere di recesso da parte del datore di lavoro per giusta causa o giustificato motivo, previsto dagli artt. 1 e 3 della legge 604/1966, lo stesso non è obbligato a porre in essere la previa affissione del codice disciplinare.
La decisione in argomento è conforme all'indirizzo maggioritario della giurisprudenza (Cass. 13906/2000; Cass. 3949/1989; Cass. 2963/1991; Cass. 1974/1994: Cass. 5434/2003; Cass. 12500/2003; Cass. 12735/2003; Cass. 13194/2003) secondo cui il divieto del rispetto di quelle regole di convivenza civile “risiede nella coscienza sociale quale minimo etico e non già nelle disposizioni collettive o nelle determinazioni dell'imprenditore.” Nella fattispecie in esame la lavoratrice interessata – un'insegnante che, nel corso di una riunione di un collegio dei docenti, rivolge gravi critiche, polemiche e ingiurie alla struttura dalla quale dipende – avrebbe posto in essere un comportamento denigratorio nei confronti del datore di lavoro, contestatole formalmente e poi sanzionato con il provvedimento espulsivo, che rientra nelle casistiche giurisprudenziali sopra descritti. (Nota di Gesuele Bellini)
Cassazione, sez. lavoro, sentenza 7.11.2006 n° 2372
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/01/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaBiciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
Avvocati: crisi e prospettiveAvvocati: crisi e prospettive
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF