Sei in: Home » Articoli

Cassazione penale: assolto medico di famiglia che ha fatto il possibile per assistere il paziente

La Cassazione Penale (Sent. n. 38852/05) ha rigettato un ricorso avverso una Sentenza del GUP del Tribunale di Pordenone che aveva assolto un medico di famiglia dal delitto di omicidio colposo in persona di un paziente (morto d'infarto) perché il fatto non sussiste. Nel caso di specie il paziente avvertendo dolori al petto e, "in particolare un dolore retrosternale con indolenzimento del braccio sinistro, si era recato presso l'ambulatorio del medico di base, posto proprio accanto alla sua abitazione e, a seguito dell'esame elettrocardiografico, valutati anche i dolori predetti ed un bruciore precordiale con sudorazione fredda, e trattandosi di fumatore e soggetto iperteso, veniva subito diagnosticato che era in atto un infarto, da ritenersi grave". Il paziente tuttavia aveva opposto un netto rifiuto alla proposta del medico di ricoverarsi al più presto e, una volta allontanatosi dallo studio medico, tornato a casa, si accasciava a terra fulminato dall'infarto. La Suprema Corte ha osservato che il giudice di merito ha esattamente ritenuto che nessuna colpa per omissione sia da attribuire al medico e che di conseguenza "non sussista nesso di causalità tra la condotta da lui tenuta e l'evento letale". La sussistenza dell'elemento psicologico della colpa (art. 43 c.p.) è stata esclusa dal GUP sul presupposto che l'imputato “aveva fatto tutto il possibile per assistere adeguatamente il paziente sia con riguardo alla normativa esistente, sia con riguardo ai generali principi di perizia e diligenza e, quindi, che l'evento letale fosse derivato dalla gravità e repentinità dell'infarto cardiaco che aveva colpito la vittima, e non da condotte colpevoli del medico, assolutamente non configurabili”.
(18/12/2006 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF