Sei in: Home » Articoli

Sfruttamento lavoratori stranieri: al via il disegno legge

Il Consiglio dei Ministri (Seduta dello scorso 17 novembre) ha approvato il Disegno Legge con il quale sono state emanate le nuove norme in materia di contrasto al fenomeno dello sfruttamento della manodopera di stranieri irregolarmente presenti sul territorio nazionale. Tra le altre cose il provvedimento prevede l'individuazione della fattispecie di reato per grave sfruttamento di manodopera individuata dai seguenti requisiti: retribuzione ridotta di oltre un terzo rispetto ai minimi contrattuali; sistematiche e gravi violazioni della disciplina in materia di orario di lavoro e riposo settimanale; gravi violazioni dei requisiti di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro. La pena minima prevista è la reclusione da tre a otto anni ed una multa di 9000 euro per ogni persona reclutata o occupata, maggiorata se gli occupati sono minori di sedici anni o stranieri clandestini.
Nel caso in cui sia stata accertata l'occupazione illegale di almeno quattro lavoratori irregolarmente presenti in Italia è possibile anche il sequestro dei luoghi di lavoro.
Leggi il provvedimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/12/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF