Sei in: Home » Articoli

Privacy: le notifiche vanno fatte in busta chiusa

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 21 novembre) ha reso noto di aver stabilito che ogni atto, documento, comunicazione o avviso va notificato in busta chiusa e sigillata. La decisione del Garante è scaturita all'esito della valutazione preliminare di un reclamo di un dipendente pubblico destinatario di una lettera con la quale il suo datore di lavoro gli contestava alcuni addebiti, notificata aperta al padre. Il dipendente si è quindi rivolto al Garante lamentando che le modalità della comunicazione, non avevano rispettato le norme in materia di protezione dei dati personali.
La lettera, infatti, pur portando la dicitura "Riservata Amministrativa", era stata recapitata senza alcuna busta e il vigile urbano che aveva provveduto alla notifica, al momento della consegna al padre, avrebbe espresso considerazioni personali sul contenuto del messaggio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/12/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF