Sei in: Home » Articoli

Cassazione: marito paga in ritardo l'ex? Via i soldi dalla busta paga

Il marito versa in ritardo gli alimenti alla ex moglie? Rischia di vedersi decurtare, per ordine del giudice civile, i soldi direttamente dalla busta paga. Lo ha sottolineato la prima sezione civile della Cassazione nel respingere il ricorso di un marito napoletano, Giovanni S., separato dalla moglie Maria Rosaria che si era opposto alla decisione del Tribunale di Torre Annunziata che aveva ordinato al ministero delle Finanze di decurtare all'uomo 568 euro dalla busta paga, il corrispettivo del mantenimento che doveva alla consorte. Secondo la Cassazione decurtare i soldi dallo stipendio al marito inadempiente o semplicemente in ritardo con i pagamenti alla moglie e' legittimo in quanto ''l'articolo 156 del codice civile attribuisce al giudice la possibilita', oltre che di disporre il sequestro di parte dei beni del coniuge obbligato, di ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere, anche periodicamente, somme di denaro all'obbligato, che una parte di esse venga versata direttamente agli aventi diritto''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/12/2006 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF