Sei in: Home » Articoli

Assegnazione della casa coniugale e usufrutto

In sede di separazione dei coniugi, la casa coniugale della quale il marito è nudo proprietario con usufrutto a favore dei genitori di lui i quali l'avevano concessa in comodato al nucleo familiare, non può essere assegnata alla madre affidataria, se l'immobile non costituisce più la casa familiare per precedente abbandono da parte della moglie e delle figlie.
L'utilizzazione della casa da parte del marito può esser valutata come fattore economico compensativo nella corresponsione dell'assegno di mantenimento.

Vedi anche: Usufrutto: nozione e caratteri distintivi
Leggi il provvedimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/11/2006 - www.ilcaso.it)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF