Sei in: Home » Articoli

Telecamere sui mezzi pubblici: intervento del Garante

Quando un?azienda di trasporti intende istallare un impianto di videosorveglianza sui propri mezzi, deve rispettare precise modalità per quanto riguarda la ripresa delle immagini ed ha l?obbligo di dare preventivo avviso dell?utilizzo del sistema all?Autorità per la privacy. Lo ha stabilito l?Ufficio del Garante (newsletter del 9 settembre scorso), precisando che, nel rispetto dei principi a tutela della privacy dei passeggeri, la compagnia di trasporti deve determinare con precisione dove collocare le telecamere e stabilire le modalità di ripresa.
A tal fine è necessario tenere conto che il trattamento dei dati deve rispettare il principio di pertinenza e non eccedenza rispetto agli scopi per i quali le telecamere vengono installate: in altre parole le immagini dovranno essere raccolte, utilizzate e conservate solo a fini di sicurezza. Il Garante ha stabilito inoltre che, in conformità ai limiti dello Statuto del lavoratori, le telecamere non potranno riprendere in modo stabile la postazione dell?autista e in ogni caso dovranno limitarsi a riprendere l?interno delle vetture e l?ambito della fermata in modo panoramico e non eccessivamente intrusivo per la riservatezza delle persone. Gli stessi passeggeri, poi, dovranno essere informati con facilità e immediatezza della presenza di telecamere attraverso indicazioni o contrassegni. Infine, l?azienda deve comunicare tempestivamente al Garante l?attivazione del sistema di videosorveglianza e tale avviso andrà effettuato secondo le procedure previste per la notifica delle banche dati che contengono informazioni di carattere personale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/09/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF