Sei in: Home » Articoli

Soci di cooperative con qualifica di dirigente: obbligo contributivo

Si forniscono precisazioni in merito all'applicabilità dell'articolo 3, commi 1 e 2 del d.lgs. n. 423/2001 ai soci lavoratori delle cooperative di cui al d.p.r. n. 602/1970 con qualifica di dirigente. Come noto, il d.lgs. n. 423/2001 ha previsto un percorso di graduale superamento dello speciale regime stabilito per l'assolvimento degli obblighi previdenziali ed assistenziali dal predetto d.p.r. finalizzato al raggiungimento, alla scadenza del quinquennio previsto dalla norma, della equiparazione della contribuzione versata per i lavoratori soci delle stesse cooperative a quella prevista per i lavoratori dipendenti da imprese in genere (cfr. circolare 4.2.2002, n. 33). L'articolo 1, comma 3, della legge n. 142/2001 ha, a sua volta, disposto che il socio lavoratore di cooperativa stabilisce con la propria adesione o successivamente all'instaurazione del rapporto associativo un ulteriore rapporto di lavoro, in forma subordinata o autonoma o in qualsiasi altra forma, con cui contribuisce comunque al raggiungimento degli scopi sociali precisando altresì che dall'instaurazione dei rapporti associativi e di lavoro derivano i relativi effetti di natura fiscale e previdenziale e tutti gli altri effetti giuridici rispettivamente previsti dalla legge n. 142/2001, nonché, in quanto compatibili con la posizione del socio lavoratore, da altre leggi o da qualsiasi altra fonte.
Pertanto, alla luce di tali previsioni, le cooperative possono instaurare con i propri soci ordinari rapporti di lavoro subordinato, ivi inclusi quelli aventi natura dirigenziale, purché abbiano adottato il regolamento previsto all'articolo 6 della legge n. 142/2001, che preveda espressamente tale tipologia di rapporto di lavoro tra quelli instaurabili con i soci della cooperativa interessata, ai quali troveranno applicazione le norme ordinarie previste per la generalità dei lavoratori dipendenti. Tra le ordinarie disposizioni applicabili alla fattispecie vanno richiamate anche quelle dettate dal D.lgs. n. 423/2001 in materia di graduale adeguamento dell'imponibile previdenziale ed assistenziale a quello di cui all'articolo 1, comma 1, della legge n. 389/1989, applicabili con riferimento ai periodi contributivi successivi all'adozione del regolamento, a far data dalla effettiva instaurazione del rapporto di lavoro di tipo dirigenziale tra cooperativa e socio. LaPrevidenza.it,
Inps, Messaggio 14.11.2006 n° 30351
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/12/2006 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaBiciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF