Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pubblico ufficiale arrogante? Non sempre la resistenza è reato

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 36009/2006) ha stabilito che non integra il reato di resistenza a pubblico ufficiale il comportamento dell'utente che reagisce al comportamento arrogante di un pubblico ufficiale. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che “l'atteggiamento sconveniente e prepotente non può essere consentito al pubblico ufficiale e in esso deve essere individuato il consapevole travalicamento dei limiti e delle modalità entro cui le funzioni pubbliche devono essere esercitate, con l'effetto che la reazione immediata del privato a tale atteggiamento rende inapplicabile la norma incriminatrice di cui all'articolo 337 c.p. e ciò ai sensi dell'articolo 4 del D.Lgs 288/44”.
Leggi la sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/11/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF