Sei in: Home » Articoli

Recensione: L?amministrazione locale della paura. Ricerche tematiche sulle politiche di sicurezza urbana in Italia

L'Italia è in sensibile ritardo sul tema delle politiche locali di sicurezza. Nel gennaio del 1994 nasce il pionieristico progetto "Città sicure" della Regione Emilia-Romagna (prima di allora, nulla di politicamente significativo; dopo, molto, anche se con contraddizioni e confusione). La ricerca di cui il presente volume vuole dar conto è stata progettata a un decennio da quella data. L'interesse che la motiva è semplice: qual è lo stato dell'arte delle politiche locali di sicurezza in Italia? Su alcune tematiche privilegiate ? riforma delle forze di polizia in una prospettiva di prossimità, interesse per le vittime dei reati, implementazione di azioni di prevenzione, grado di governance nelle politiche di sicurezza, trasformazioni nelle politiche dei servizi sociali ? e limitatamente a sei città-campione (Torino, Venezia, Padova, Modena, Bologna e Bari) un gruppo di ricercatori si è interrogato per due anni.
Il volume raccoglie i rapporti di quattro unità di ricerca, dirette da Massimo Pavarini, Giuseppe Mosconi, Tamar Pitch e Franco Prina, che hanno sviluppato specifici percorsi di studio nell'ambito di un comune programma coordinato da Massimo Pavarini.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/11/2006 - Massimo Pavarini)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF