Sei in: Home » Articoli

Rivelare la password aziendale può costare il posto di lavoro

Rivelare la propria password aziendale ad altri può legittimare il licenziamento. E' questo il contenuto della sentenza n° 19554/2006, Cassazione Lavoro con la quale viene legittimto il licenziamento di un dpendente per aver rivelato i propri dati di accesso al sistema informatico. A nulla sono valse le motivazioni della difesa che ha inutilmente cercato di provare la circostanza che "altre persone" vicino potevano essere in grado di interpetare tali dati solo osservando il movimento delle mani in fase di accesso al sistema. (Giovanni Dami)
Cassazione, Sez. Lavoro, Sentenza 13.9.2006, n. 19554
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/10/2006 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF