Sei in: Home » Articoli

Notificazione a persona di residenza, dimora o domicilio sconosciuti

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (sent. n. 12589 del 28.8.02) ha stabilito che ai fini della validità della notificazione a persona irreperibile (art. 143 cod. proc. civ.), è necessario accertare se il notificante conosceva o poteva conoscere, con l?utilizzo della comune diligenza, la dimora, il domicilio o la residenza del destinatario. Infatti, il presupposto per la validità della notifica ex art. 143 c.c. non è costituito dal solo dato soggettivo di ingorare la residenza, la dimora o il domicilio del destinatario dell'atto, essendo altresì richiesto che tale ignoranza sia oggettivamente incolpevole e che pertanto non possa essere superata attraverso le indagini suggerite dall?ordinaria diligenza.
(14/09/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF