Sei in: Home » Articoli

L'esercizio della prostituzione successivo alla crisi coniugale non è causa di addebito della separazione.

(Cassazione civile, sez. I, 19 settembre 2006, n. 20256)
La sentenza in esame non costituisce un inversione di tendenza rispetto al consolidato orientamento giurisprudenziale in tema di addebito della separazione, ma, viceversa, ne costituisce in realtà ulteriore conferma. Precisa la S.C. che l?inosservanza dell?obbligo di fedeltà coniugale - ed a maggior ragione l'esasperazione di tale comportamento costituito dall'esercizio della prostituzione da parte di uno dei coniugi - "rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l?intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l?addebito della separazione al coniuge responsabile". ....leggi tutto....Consulenza legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2006 - www.miolegale.it)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Terremoto: sospeso il pagamento dei premi assicurativi
Pensione giovani: si pensa a una garanzia dello Stato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF