Sei in: Home » Articoli

L'esercizio della prostituzione successivo alla crisi coniugale non Ŕ causa di addebito della separazione.

(Cassazione civile, sez. I, 19 settembre 2006, n. 20256)
La sentenza in esame non costituisce un inversione di tendenza rispetto al consolidato orientamento giurisprudenziale in tema di addebito della separazione, ma, viceversa, ne costituisce in realtÓ ulteriore conferma. Precisa la S.C. che l?inosservanza dell?obbligo di fedeltÓ coniugale - ed a maggior ragione l'esasperazione di tale comportamento costituito dall'esercizio della prostituzione da parte di uno dei coniugi - "rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l?intollerabilitÓ della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l?addebito della separazione al coniuge responsabile". ....leggi tutto....Consulenza legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2006 - www.miolegale.it)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari pi¨ alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari pi¨ alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF