Sei in: Home » Articoli

Banche e finanziarie: privacy in materia di prestiti non concessi

L?AutoritÓ Garante della Privacy (newsletter del 2 settembre 2002), ha stabilito che il fatto di conservare e diffondere nel circuito bancario e finanziario informazioni relative a prestiti richiesti e non concessi, oppure oggetto di rinuncia da parte del richiedente, costituisce violazione della privacy. La diffusione di queste informazioni di rifiuto, infatti, possono costituire ostacolo alla concessione di altri piccoli prestiti o fidi da parte di alcuni istituti bancari. Pi¨ precisamente, questi dati possono ingenerare un concreto pregiudizio nei confronti del richiedente, il quale viene esposto al dubbio che i rifiuti derivino non tanto da valutazioni discrezionali sulla propria capacitÓ patrimoniale o dal rischio di sovraindebitamento, quanto invece da scorrettezze o inadempimento risultanti agli atti delle singole banche.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/09/2002 - Marina Demaria)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimitÓ non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF