Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Responsabilità dell?avvocato: l?onere della prova

Chi intende proporre azione di responsabilità nei confronti del proprio avvocato difensore deve provare sia di aver sofferto un danno, sia che questo è stato causato dall?insufficiente o negligente attività professionale. Lo ha stabilito la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione con sentenza n. 11901/02, precisando tra le altre cose che l'affermazione della responsabilità del difensore implica ?la valutazione positiva che alla proposizione di una diversa azione, o al diligente compimento di determinate attività sarebbero conseguiti effetti più vantaggiosi per l'assistito, non potendo viceversa presumersi dalla negligenza del professionista che tale sua condotta abbia in ogni caso arrecato danno?. Del pari, prosegue la Cassazione, in caso di omesso svolgimento di un'attività professionale è necessario fornire la prova non solo del danno subito, ma anche del nesso eziologico tra esso e la condotta del professionista.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/09/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF