Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Responsabilità dell?avvocato: l?onere della prova

Chi intende proporre azione di responsabilità nei confronti del proprio avvocato difensore deve provare sia di aver sofferto un danno, sia che questo è stato causato dall?insufficiente o negligente attività professionale. Lo ha stabilito la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione con sentenza n. 11901/02, precisando tra le altre cose che l'affermazione della responsabilità del difensore implica ?la valutazione positiva che alla proposizione di una diversa azione, o al diligente compimento di determinate attività sarebbero conseguiti effetti più vantaggiosi per l'assistito, non potendo viceversa presumersi dalla negligenza del professionista che tale sua condotta abbia in ogni caso arrecato danno?. Del pari, prosegue la Cassazione, in caso di omesso svolgimento di un'attività professionale è necessario fornire la prova non solo del danno subito, ma anche del nesso eziologico tra esso e la condotta del professionista.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/09/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF