Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nelle intercettazioni anche le frasi criptiche o incomplete fanno prova

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sentenza n. 29350/2006) ha stabilito che nelle intercettazioni, le frasi criptiche o incomplete fanno prova anche se oscure. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che è compito della magistratura ordinaria verificare se il significato delle conversazioni intercettate sia connotato dai caratteri di chiarezza, decifrabilità dei significati, assenza di ambiguità, in modo da ricostruire senza margini di dubbio il contenuto, il significato complessivo dei colloqui. La Corte ha però precisato che nel caso in cui, per la cattiva qualità dell?intercettazione, per la cripticità del linguaggio, per la non sicura decifrabilità del contenuto, per l?incompletezza dei colloqui o per altre ragioni, venissero a mancare dei requisiti, non si avrebbe mai una automatica trasformazione dell?intercettazione da prova a indizio e che, dunque, anche un?intercettazione poco chiara rimane una prova che dovrà però essere supportata da ulteriori elementi di conferma che possano eliminare u ragionevoli dubbi esistenti. Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso di due contrabbandieri condannati, in sede di appello, sulla base delle intercettazioni ambientali. In particolare il Palazzaccio ha precisato che in tema di intercettazioni telefoniche e ambientali l?interpretazione del linguaggio e del contenuto delle conversazioni è esclusiva dei giudici di merito e quindi insindacabile in Cassazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/09/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF