Sei in: Home » Articoli

Infortuni sul lavoro: presentato il Rapporto anno 2005

Lo scorso 14 luglio, l'Inail ha presentato il Rapporto annuale 2005. L' obiettivo che ci si pone è quello di fornire dati oggettivi sul fenomeno infortunistico, contestualizzati rispetto al panorama dell'occupazione e degli andamenti storici. Il Rapporto offre una visione storica che consente di capire quale sia oggi la situazione degli infortuni in Italia. Dai dati raccolti si evince che nel dopoguerra (ovvero nella prima metà degli anni Cinquanta), si registravano ogni anno oltre 3.000 morti per infortuni sul lavoro. Questo dato si è trascinato fino alla metà degli anni Settanta.
Dopo il 1975 il fenomeno comincia lentamente ma progressivamente a decrescere, pur mantenendosi generalmente al di sopra dei 2.000 casi per tutti gli anni Ottanta e Novanta: ancora nel 1990 i morti erano oltre 2.400. Si ha un più significativo decremento del fenomeno a partire dal decennio successivo: nel 2000 si contano 1.400 vittime del lavoro; nel 2005 gli infortuni mortali scendono a 1.206. Oggi si registrano meno vittime e conseguentemente meno drammi umani e sociali, e minori costi economici per il Paese.
(19/08/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per leggeAvvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo