Sei in: Home » Articoli

Bari: Multe non pagate, Cassazione dà ragione a polizia municipale

Dopo quasi 10 anni la Corte di Cassazione da' ragione alla Polizia Municipale di Bari in un contenzioso per multe non pagate. La vicenda parte da una sentenza emessa dal Giudice di Pace di Bari nel 2003. Un'automobilista, che aveva commesso diverse infrazioni (5 verbali, tra cui un semaforo rosso ed una mancata precedenza, tra il 1997 ed il 1998), decide di non pagarle e di proporre ricorso al Prefetto, che lo respinge, e di insistere con un nuovo ricorso al Giudice di Pace. Il 10 dicembre 2002 quest'ultimo lo accoglie in quanto, essendo il veicolo sottoposto ad un fallimento, la richiesta di pagamento doveva essere rivolta all'organo fallimentare incaricato della procedura concorsuale, e non al proprietario dell'auto. Il Comando di Polizia Municipale ricorre in Cassazione, tramite l'Avvocatura del Comune, che fa chiarezza sull'intera vicenda.
Secondo la Suprema Corte e' emersa una inammissibile incongruenza tra quanto scritto negli atti di causa e i motivi della decisione del Giudice di Pace. Secondo la Cassazione, infatti, non e' stato neanche specificato di che tipo di procedura concorsuale si trattasse e quale tipo di attivita' imprenditoriale effettivamente svolgesse il conducente abituale del mezzo. Dopo quasi 10 anni quest'ultimo dovra' ora pagare le sanzioni e le spese processuali a favore del Comune.
(06/08/2006 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF