Sei in: Home » Articoli

Giudice di pace di Napoli: risarcibile il danno subito a causa dell'emergenza rifiuti

In una recente pronuncia il Giudice di pace di Napoli ha condannato il Sindaco di Napoli e l'Azienda Servizi Igiene Ambientale, che si occupa della raccolta dei rifiuti in cittą, a risarcire i danni alla salute subiti dai cittadini del capoluogo partenopeo. Il Giudice, accogliendo le domande proposte da un nutrito gruppo di contribuenti per "disagi, disservizi, emergenza rifiuti, farsa e bluff della raccolta differenziata, pericoli ambientali e igienico-sanitari", ha riconosciuto la risarcibilitą del danno alla salute "causato dall'emergenza rifiuti a Napoli per il disservizio dello smaltimento dell'immondizia, per blocco, chiusura e saturazione dei Centri di Raccolta; fenomeno, questo, di enorme gravitą e di risonanza nazionale, che tutti i cittadini locali, nazionali e dell'estero ben conoscono e patiscono per visione diretta, cognizione ed esperienza in prima persona e sulla propria pelle quotidianamente, per il disagio e pericolo alla pubblica e privata salute (incolumitą fisica e psichica), causati dal degrado ed abbandono ambientale del territorio cittadino, invaso dappertutto da cumuli di immondizia di ogni tipo e di qualsiasi genere, riversi per le strade e sui marciapiedi, non riusciti a contenere dagli stracolmi contenitori per il ritardo dello svuotamento, a detrimento dei viandanti, pedoni ed automobilisti, anche in aperta violazione delle norme del Codice della strada". Continua il Magistrato: "tale stato di cose, come fatto assolutamente notorio perdura nella cittą di Napoli da almeno un decennio, senza che la P.A. riesca, come tenuta e dovuto, a porvi rimedio e soluzione definitiva, con accordi e risultati tampone protrattisi in die nel tempo senza risoluzione finale dell'annoso gravissimo problema all'incolpevole cittadino-contribuente dell'imposta dal Comune tassa della TARSU senza godimento del corrispettivo relativo servizio di raccolta a discarica dei cumuli puzzolenti e maleodoranti che, essendo veicoli di infezioni ed epidemie, rovinano la salute soprattutto dei residenti danneggiati da tale insopportabile, illegittimo e ingiustificato stato di cose che perdura da anni e ingigantisce col passare del tempo, con reale ed attivo pericolo alla pubblica e privata salute". (si ringrazia l'Avv. Angelo Pisani per aver segnalato la Sentenza e averne trasmesso il testo integrale)
(24/07/2006 - Silvia Vagnoni)
Le pił lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietą post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF