Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'ambiente insalubre giustifica il rifiuto della prestazione lavorativa

E' lecito il rifiuto del lavoratore di continuare a svolgere la propria prestazione lavorativa in un ambiente oggettivamente insalubre e pericoloso. E' il principio enunciato dalla Corte di Cassazione nella recente Sentenza 11664/2006. Nel caso esaminato il datore di lavoro aveva contestato ad alcuni dipendenti un'infrazione disciplinare con sospensione cautelare dal lavoro per aver rifiutato di eseguire le proprie prestazioni lavorative a caua di una presunta insalubrità dell'ambiente . La Corte ha ritenuto legittimo e quindi insuscettibile di sanzione espulsiva il rifiuto dei lavoratori di continuare a lavorare nel locale "galvanica" poiché estremamente "pericoloso a causa di gas e vapori tossici tra i quali agenti notoriamente cancerogeni quali il cromo, senza idonea aspirazione, condiffusione di polveri in ambiente di altezza inferiore a tre metri e scadenti condizioni generali di pulizia".
(17/07/2006 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF