Sei in: Home » Articoli

Cassazione: multa al datore di lavoro che 'trascura' il dipendente depresso

Puo' scattare la multa nei confronti del datore di lavoro che 'trascura' il dipendente caduto in una profonda depressione. La stessa sanzione puo' essere applicata al medico aziendale se non dispone tutti gli accertamenti specialistici nei confronti dell'impiegato affetto da depressione. Lo sancisce la Corte di Cassazione che ha reso defintiva la sanzione dell'ammenda (non se ne precisa le'ntita' nella sentenza 20220) inflitta rispettivamente ad un datore di lavoro e al medico dell'azienda 'Alenia' di Nola, 'rei' di non essersi presi cura, ciascuno per le proprie competenze, dei disturbi di cui soffriva un dipendente affetto da ''disturbo d'adattamento con stato di conflitto nell'ambiente di lavoro''. In particolare, la Terza sezione penale della Cassazione, confermando l'ammenda a Giorgio O., datore di lavoro e a Francesco O., medico dell'azienda, ha sottolineato che il primo, mutando mansioni al dipendente affetto da depressione (lo aveva nominato specialista in ingegneria della manutenzione con tanto di trasferimento), ''non aveva curato di assicurargli un'adeguata formazione professionale'', e il secondo perche', ''in qualita' di medico competente non aveva richiesto al datore di lavoro la visita medica specialistica sul lavoratore'' depresso.
Da annotare che il dipendente, ben conoscendo i suoi problemi, aveva espressamente richiesto dei controlli specialistici dal momento che i suoi disturbi depressivi erano correlati al fatto che si sentiva ''inadeguato rispetto alle mansioni assegnategli''.
(03/07/2006 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF