Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si offende anche parlando in dialetto, dire 'recchione' è reato

Si puo' offendere anche parlando in dialetto. Pertanto dire a qualcuno 'recchione', ad esempio, costituisce ingiuria anche se l'espressione viene detta ad una persona di ''un'altra area geografica'' dove non vige quel vernacolo. Lo dice la Corte di Cassazione che, nel condannare il vocabolo 'recchione' pronunciato da un militare nei confronti di un pari grado, sottolinea come la parola ''di provenienza dialettale'' ma ''usata in ambito nazionale e' riconosciuta dalla generalita' degli italiani come espressione ingiuriosa''. L'espressione era stata pronunciata dal 22enne Giuseppe S. contro il paro grado Alessio D.F. durante il servizio di ronda.
'Recchione, siciliano di m.' aveva detto Giuseppe al collega e i due erano venuti anche alle mani. Di qui la condanna per ingiuria e lesione personale (due mesi e quindici giorni di reclusione con i benefici della sospensione condizionale e della non menzione della condanna) inflitta dalla Corte d'appello militare di Roma nel giugno 2005. Invano Giuseppe S. si e' rivolto alla Cassazione, sostenendo, quanto all'offesa, che l'espressione pronunciata in dialetto non poteva essere ''comprensibile da persona proveniente da diversa area geografica''. La Prima sezione penale, sentenza 19967, ha respinto il ricorso e ha annotato che ''le parole usate dall'imputato erano scurrili e lesive dell'onore e del decoro della persona offesa ed erano comprensibili da parte di chiunque, al di la' della provenienza dialettale di alcune di esse, in quanto usate in ambito nazionale e riconosciute dalla generalita' degli italiani come espressioni ingiuriose''. Ecco perche', concludono gli 'ermellini' ''deve ritenersi provato che la persona offesa abbia percepito le espressioni ingiuriose in tutta la loro carica specificamente offensiva''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/06/2006 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF