Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cognome madre a figli riconosciuti in ritardo

I figli naturali, riconosciuti dal padre in ritardo, potranno da oggi scegliere di mantenere il cognome della madre. Lo ha stabilito la Cassazione, respingendo il ricorso di un padre naturale contro la donna dalla quale aveva avuto un bambino nel 1997, riconoscendone la paternita' solo in un secondo momento. L'uomo si era rivolto alla suprema corte chiedendo che il bambino portasse il suo cognome, ma si e' visto respingere la richiesta in quanto la Cassazione ha stabilito che il criterio di trasmissione del cognome, basato sul modello patrarcale, 'non e' piu' attuale'. La Cassazione ha inoltre esortato il Parlamento ad adeguare la norma sulla trasmissione del cognome alle mutate condizioni della societa' attuale, nella quale il modello patriarcale stesso sembra oramai in declino.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/06/2006 - Adnkronos)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF