Sei in: Home » Articoli

Cassazione: errore diagnostico del sanitario dovuto a comportamento omissivo

"Il comportamento omissivo non può essere inteso in senso assoluto, nel senso cioè di ritenerlo sussistente solo nel caso di assoluta mancanza di azione da parte del soggetto, ma è comprensivo anche dei casi in cui il soggetto pone in essere un comportamento diverso da quello dovuto, da quello che sarebbe stato doveroso secondo le regole della comune prudenza, perizia e attenzione". È quanto ha di recente stabilito la Cassazione Penale (Sent. n.3380/2006) che, nel confermare le statuizioni dei giudici di merito, ha condannato un medico specialistico per avere questi, nel corso di due controlli mammografici, omesso di rilevare a carico della paziente chiari sintomi di un carcinoma mammario e per non aver disposto ulteriori e più approfonditi esami tecnici che avrebbero consentito una rapida individuazione del male, esponendo così la donna a grave pericolo di vita e ponendo i presupposti per un successivo intervento chirurgico di tipo demolitorio con conseguente necessità di cure chemioterapiche.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/05/2006 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF