Sei in: Home » Articoli

'La via della prudenza':la nuova campagna per l'educazione stradale

Si conclude il prossimo 12 giugno (era partita il 12 aprile) la nuova campagna per l?educazione stradale rivolta ai più giovani, Si tratta di un? iniziativa (chiamata ?La Via della Prudenza?) che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha realizzato in collaborazione con Walt Disney Television Italia. Il progetto si avvale di un testimonial particolarmente in sintonia con i ragazzi di età compresa tra i 7 e gli 11 anni: si tratta infatti di American Dragon, protagonista di una popolarissima serie animata in onda su Disney Channel, un ragazzino destinato a diventare il guardiano delle creature magiche di New York che percorre le strade della metropoli a bordo dell'inseparabile skateboard. Cliccando su www.disneychannel.it, oppure su www.infrastrutturetrasporti.it, i giovani navigatori possono ritrovare la simulazione dell'ambiente città o macchina e acquisire in modo facile e divertente una serie di nozioni su segnali stradali, semafori, cinture e seggiolini, indispensabili per conquistare la patente virtuale.
I ragazzi che hanno meritato la patente virtuale possono partecipare a un concorso che mette in palio, per trenta fortunati estratti a sorte, una serie di gadget Disney legati alla serie animata "American Dragon".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/05/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF