Sei in: Home » Articoli

Il giudizio secondo equità

Nel giudizio dinanzi al giudice di pace, anche se il valore della controversia non supera i due milioni di lire o somma corrispondente in Euro, la possibilità di decidere secondo equità presuppone che oggetto della domanda siano diritti disponibili delle parti. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza n. 8375 del 12 giugno 2002 precisando che la disposizione di cui all?art. 113 comma secondo c.p.c. (che consente la pronuncia secondo equità per quelle cause il cui valore non eccede i 2 milioni), deve essere letta in relazione a quella del successivo art. 114.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF