Sei in: Home » Articoli

Cassazione:l'ufficio? Come la casa, luogo 'privato' dove non si può essere spiati

L'ufficio? E' ''luogo di privata dimora'' come la casa dove non si puo' essere spiati. Lo dice la Corte di Cassazione in una sentenza nella quale stila l'elenco dei luoghi nei quali si puo' essere controllati senza ledere la privacy dei dipendenti e quelli dove, invece, l'occhio del 'grande fratello' deve rimanere fuori. La Sesta sezione penale, nella sentenza 11654, scrive che ''luogo di privata dimora e' in primo luogo l'abitazione, come quello in cui la persona svolge le sue funzioni essenziali di vita e di relazione e, quindi, - sottolinea la Suprema Corte - tutti quei luoghi che assolvono a funzioni analoghe, lavorative, professionali o di altra natura, come lo studio, lo svago, con carattere di stabilita', in modo da giustificare la medesima tutela costituzionalmente garantita''. Ad indurre la Cassazione a mettere nero su bianco l'elenco dei luoghi dove e' possibile essere controllati, il caso di un dipendente di un ufficio postale della provincia di Reggio Calabria, V.S., nei confronti del quale era stata emessa la misura della custodia cautelare in carcere per una serie di attivita' illecite (peculato, violazione di corrispondenza) venute a galla grazie ad un sistema di telecamere audiovisive piazzate nei bagni dalla polizia postale.
Invano il dipendente delle poste si e' opposto in Cassazione sostenendo, tra l'altro, che era stata violata la sua privacy e che il bagno doveva essere considerato luogo 'privato'.
(11/04/2006 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF