Sei in: Home » Articoli

Responsabilità di Asl e Comuni per aggressioni da cani randagi

La Corte di Cassazione (Sentenza del 20 luglio 2002, n. 10638) ha stabilito che le Asl e i Comuni sono tenuti in solido a risarcire il danno a quei cittadini che hanno subito aggresioni da cani randagi.
Questo perché, spiega la Corte, esiste un dovere di controllo sul "randagismo" che le Asl e i Comuni sono tenute a esercitare attraverso il servizio sanitario.
Nella fattispecie l?amministrazione comunale aveva sostenuto che la responsabilità sarebbe dovuta ricadere solo sulla Asl, essendo questa territorialmente competente per la cattura degli animali randagi.
I giudici della Corte, però, hanno ritenuto che la responsabilità dei due enti sussiste in eguale misura giacchè se è vero che le Asl sono enti "dotati di autonomia amministrativa", i Comuni hanno pur sempre una specifica competenza a verificare "l'andamento generale dell'attività della Usl attraverso l'attività di vigilanza del sindaco".
(25/07/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF